script async src="https://pagead2.googlesyndication.com/pagead/js/adsbygoogle.js?client=ca-pub-1007278898878224" crossorigin="anonymous"> Android e smartphone alla portata dei criminali informatici | zmzme
sicurezza informatica

Android e smartphone alla portata dei criminali informatici

Android e smartphone alla portata dei criminali informatici

Di recente, il numero di malware rilevati per i dispositivi Android è nuovamente aumentato, di quasi un terzo, secondo gli esperti di Z ESET. Quali sono i segnali che potrebbero indicare che il dispositivo che esegue questo sistema operativo mobile è infetto?

Attualmente, quasi l’81% della popolazione mondiale utilizza smartphone in cui è archiviata un’enorme quantità di dati, che possono essere una risorsa molto preziosa per i criminali informatici.

Come possono i criminali hackerare il telefono? Indipendentemente dal fatto che il dispositivo sia stato infettato da e-mail dannose, siti Web o app mobili false, fingendo di essere siti Web di marchi o organizzazioni famose, il primo obiettivo dell’attacco è installare malware o indurre la vittima a consegnare inavvertitamente dati sensibili ai criminali informatici . Keylogger o ransomware, spesso sotto forma, ad esempio, di uno strumento per il monitoraggio dell’attività fisica o di un’app di criptovaluta e, più recentemente, di spyware Pegasus: tali programmi possono essere installati all’insaputa degli utenti di smartphone.

Controlla anche:

La ricchezza di dati archiviati nei telefoni attira i criminali informatici. Lo smartphone, come strumento di blocco per l’accesso a molti dei nostri segreti, è un grande obiettivo per loro e l’utente non sempre si rende conto che il proprio telefono è stato attaccato e preso in consegna da altre persone” – afferma Kamil Sadekowski, Senior Specialist in Cyber Sicurezza presso ESET.

Come sottolinea l’esperto, ci sono alcuni segnali abbastanza evidenti che uno smartphone potrebbe essere stato violato.

1. I sintomi più comuni di una violazione della sicurezza del dispositivo sono più rapidi del normale consumo della batteria o un maggiore utilizzo dei dati e non hanno nulla a che fare con un maggiore utilizzo delle app e la navigazione sul Web.

2. Anche eventi come l’attivazione automatica del GPS o della funzionalità Internet (Wi-Fi o dati mobili) sono sintomi

3. Vengono visualizzate chiamate o SMS sconosciuti, che potrebbero essere un sintomo di malware che tenta di effettuare chiamate o di inviare SMS a numeri internazionali premium.

Un’indicazione che potrebbe anche indicare la presenza di una minaccia è una situazione in cui le applicazioni che in precedenza funzionavano correttamente iniziano a mostrare un comportamento strano. Avvio improvviso, spegnimento, arresti anomali completi e visualizzazione di errori imprevisti dovrebbero causare la pausa degli utenti. Se il tuo telefono Android è stato attaccato da un ransomware, verrà bloccato di conseguenza.

Quando si utilizza il telefono, vale la pena seguire le regole di sicurezza di base:

* Aggiorna regolarmente alle ultime versioni sia del sistema operativo che delle applicazioni utilizzate

* Crea un backup dei tuoi dati e archivialo in modo sicuro (su un supporto esterno)

* Quando scarichi l’app, usa solo lo store ufficiale e controlla sempre le recensioni sia dell’app che dello sviluppatore

* Utilizzare il software installato per proteggere i dispositivi mobili

* Sii vigile quando maneggi il tuo smartphone e ricorda i soliti metodi utilizzati dai criminali informatici.

Possiamo riportare il telefono infetto alla piena condizione di lavoro da soli. I due metodi più diffusi per rimuovere la maggior parte dei tipi di malware sono la scansione automatica e la scansione manuale.

Un programma specializzato eseguirà automaticamente la scansione del telefono, che cercherà le minacce nel dispositivo e le rimuoverà da solo. La rimozione manuale è in genere più complicata perché il malware ha spesso meccanismi di sicurezza crittografati che rendono difficile o impossibile la disinstallazione per gli utenti.

“Un esempio di come gli autori di malware hanno tentato di rendere la vita difficile agli utenti di smartphone è l’uso di una backdoor in Android 9, che ha consentito al malware di impersonare altre app o mascherarsi con un codice vuoto e senza nome. Tuttavia, nelle versioni successive di Android , a partire dalla versione 10 e successive, la vulnerabilità è stata chiusa, aumentando il livello di sicurezza per gli utenti del sistema operativo mobile più popolare al mondo”, commenta Kamil Sadkowski di ESET.

 

Related Articles

Back to top button